Dolci – I Cannoli di Patty

Fare i cannoli in casa non è difficile ma occorre attenersi a poche e semplici regole: formare una bella “sfoglia” da tirare con il mattarello o la nonna papera. Scolare bene la ricotta del ripieno, che deve essere ben asciutta. Basterà scolarla in un colino a maglie fitte, la sera, coprire e mettere tutto in frigo fino al mattino. Questa che ti mostro è la ricetta che utilizza Patty, la mia gemella siciliana. Questa volta avevamo già le “scorze” pronte (dono di un’altra amica) e Patty ha solo preparato il ripieno. Specifico che sia per le croste che per il ripieno ci sono molte ricette e ogni famiglia e ogni zona ha la sua; questa è la ricetta di Patty.

Comunque mi sono fatta dare gli ingredienti e il procedimento che utilizza Patty quando prepara le scorze, insieme a quello del ripieno. Lei mi ha dato delle dosi da “esercito” perché loro sono tanti in famiglia. Credo che con metà dose ne verrà fuori una buona quantità. E’ anche vero che sono a lunga conservazione e durano molti mesi, chiusi in un sacchetto trasparente e poi si farciscono solo al momento di mangiarli … vedi tu insomma quante ne vuoi fare.

La ricotta lei utilizza ricotta vaccina. Io ho guardato qua e là e vedo che molti consigliano una ricotta di pecora. Credo dipenda molto dal proprio gusto personale. La ricotta di pecora è molto più saporita, quella vaccina più delicata. E’ vero che la ricotta che ha utilizzato Patty, pur essendo vaccina, era molto saporita. Anche qui dipende insomma …

Ingredienti:
1 kg di farina 00
100 g di zucchero
100 g di strutto
Una presa di sale
1 tuorlo
1 albume
vino bianco q.b.
succo di un limone
Olio per friggere

Per il ripieno:
1 Kg di ricotta
700 g di zucchero a velo
Poca cannella
Ciliegie o altra frutta candita per decorare oppure
Granella di cioccolato oppure
Granella di pistacchio

Procedimento:
Impastare tutto insieme, escluso l’albume, aggiungendo il vino bianco piano piano, fino ad avere un impasto sodo che possa poi essere tirato con un mattarello. Puoi tirarlo anche con la nonna papera, si fa prima. Comunque impastare il tutto, formare una palla e far riposare per circa trenta minuti.

Tirare una sfoglia non molto sottile, diciamo alla prima tacca della nonna papera o cumunque a pochi millimetri, formare dei cerchi grandi quanto le tue cannucce di alluminio, avvolgerle intorno e fissare la chiusura con del bianco di uovo, appena pennellato. Friggere in olio fondo, fino a doratura. Scolare per bene e far raffreddare. Una volta freddi si mantengono bene chiusi in un cellophane anche per molti mesi.

Questa foto l’ho fatta alle mie croste, regalo sempre della mia amica Carmela. Lei e suo marito Luigi vivono a Milano ma hanno una bellissima casa, ai piedi dell’Etna. Queste croste sono le stesse che ha regalato anche a Patty e abbiamo riempito con il suo ripieno.

Cannoli

Preparare il ripieno facendo scolare per bene la ricotta, come spiegato prima. Aggiungere lo zucchero. Qui Patty lo aggiunge a gusto suo. Se la ricotta è particolarmente dolce ne aggiunge meno, tu comincia a metterne un po’ e poi assaggia, è la cosa migliore. Mettere anche poca cannella o vaniglia, a piacere, per aromatizzare. Tenere da parte fino al momento di servire.

Al momento di servire (e comunque solo prima di mangiare) riempire le scorze dei cannoli con la crema, prima da un lato e poi dall’altro, cercando di arrivare al centro. Decorare a piacere con granelle e con canditi. Tenere in frigo fino al momento di servire.

Cannoli siciliani (3)Che ti devo dire? Sono semplicemente goduriosi. Io non so dirti quanti me ne sono mangiati … altro che dieta!

Cannoli siciliani (1)Del resto, scusa, tu non li avresti mangiati?

Cannoli siciliani (2)Buon fine settimana a tutti. Godetevi la vita perchè è una sola

Print Friendly, PDF & Email

29 pensieri su “Dolci – I Cannoli di Patty”

  1. Avatar

    Parli di diete e poi proponi meraviglie!Si i cannoli siciliani sono forse il dolce che più amo,a cui non resisto e cui non resistero’ neanche qui da te…perché sino perfetti.Tesoro anche da me quantità da esercito,ne sono tutti ghiotti e sarà meglio non essere avari…Terry Terry sei tu la tentatrice ed io ti adoro anche per questo oltre che per i ricciolonie l’anima bella!Ti sembra poco?

    1. ipasticciditerry

      No, non mi sembra poco. Comunque questo affetto lo ricambio in pieno, cara Damiana. Sai qual’è l’altro dolce a cui faccio fatica a resistere? Le vostre Sfogliatelle o Aragostine, come le chiamate … mamma che buone!!

  2. Avatar

    Buoni super, li ho fatti una volta sola una 40ina di anni fa per mio suocero napoletano ce l’ho messa tutta ero giovane e non sapevo cucinare bene. Sono riusciti ma poi ho regalato tutto anche le formine ricette ecc.
    Prendo nota della tua forse m’invoglia a rifarli 😀
    Grazie cara tentatrice 😀
    Buona domenica

  3. Avatar

    Ahahahahhahahhhahahahaah!
    E certo che anche io li avrei mangiati!!!!
    Per quanto io prediliga il salato al dolce, sarebbe davvero difficile resistere a questa meraviglia!! :-))))))

    Grazie per aver condiviso questa ricetta e per le dettagliate spiegazioni che ogni volta non ci fai mai mancare!
    Sei sempre impeccabile!
    Un abbraccio bello dolcezza e l’augurio di una buona serata! Che sia piena di sorrisi! :-* :-* :-*

  4. Avatar

    Ciao cara Terry 🙂 Io amo i cannoli, li amo alla follia!! E i tuoi sono incredibilmente invitanti e golosi, che belli!!! <3 Complimenti di vero cuore, ne mangerei uno adesso.. acquolina a mille ^_^ Un abbraccio grande, buona serata :**

    1. ipasticciditerry

      Mannaggia Vale, come si fa? Perchè le cose più buone sono quelle che fanno anche ingrassare di più? So che mi capisci … Un bacione a te

  5. Avatar

    Io pensavo che fosse un procedimento complicatissimo, invece con le giuste regole diventa tutto “facile”.
    Ti sono venuti una vera meraviglia… quanto ne vorrei uno da sgranocchiare… 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.