Il trenino del Bernina

Buongiorno!!
Avete trascorso una buona Pasqua? Spero di si. Io ho fatto una piccola gita con gli amici; siamo stati sul trenino del Bernina. Una gita bellissima che vi consiglio vivamente di fare, se non ci siete mai stati.
Siamo stati molto fortunati perchè le previsioni prevedevano addirittura neve e invece c’era un bellissimo sole con un cielo azzurrissimo anche se non faceva certo caldo.
Si parte da Tirano, da un altezza di 429 mt e dopo solo pochi kilometri si entra in Svizzera, volendo si arriva fino a St.Moritz. Noi ci siamo fermati a Morterasch e da lì siamo saliti a piedi fino al ghiacciaio a 2083 mt di altezza; uno spettacolo della natura!!
La vetta più alta del Bernina è a 4049 mt.
Dicevo che siamo partiti da Tirano, dove faceva freddo ma non c’era neve, abbiamo attraversato il viadotto elicoidale di Brusio nella Valposchiavo.
Quello che vedete in foto è il nostro trenino che curvava sopra il viadotto, noi eravamo nell’ultima carrozza a noi riservata e quindi ho fatto diverse foto al trenino davanti a me 😉
Dopo il viadotto siamo giunti a Poschiavo, un paesino rinascimentale nel Canton Grigioni. Lungo il percorso abbiamo visto diversi Crotti
Costruzioni di forma semisferica in muratura a secco con una temperatura interna costante tra i 4 e i 6 gradi, un tempo usati per la conservazione del cibo; latte, frutta e verdura.
Da qui il paesaggio comincia a essere innevato

Da qui siamo entrati nella Valle Engadina, una delle valli abitate più alte d’Europa.
La stazione di Ospizio Bernina si trova a 2253 mt di altezza e oggi ospita un albergo, mentre un tempo era un ricovero dove trovavano rifugio i viandanti.
Proseguendo siamo arrivati al Lago bianco e al Lago nero. Il lago Bianco scende verso il fiume Adda, poi verso il Lago di Como, il Pò e poi sfocia nell’Adriatico.
Il Lago nero invece raggiunge il fiume Inn, poi si versa nel Danubio e da qui nel Mar Nero

Un paesaggio meraviglioso ci ha accompagnato per tutto il tragitto del Trenino rosso.

Come vi ho già detto noi ci siamo fermati a Mortaresch ma ci sono altre due stazioni, fino ad arrivare a St.Moritz.

Qui sciano alla grande

C’era anche poca gente rispetto al territorio, mio marito se ne è innamorato!

Bene, spero di avervi fatto cosa gradita e ripeto, se avete occasione, andateci perchè davvero merita.
Domani vi posto una ricettina, promesso. In questi giorni vi ho un pochino trascurato ma ho avuto molto da fare, spero mi perdonerete. Un bacione a domani

Print Friendly, PDF & Email

18 pensieri su “Il trenino del Bernina”

  1. Avatar

    Che meraviglia, sono anni che ci vogliamo andare… passammo anche da Tirano ma senza avere il tempo di organizzare la salita; è un ottimo spunto per una delle prossime vacanze, grazie per aver postato questi scorci meravigliosi!
    Ciao, Tatiana

  2. Avatar

    Ciao Terry
    Io ci sono stata nel mese di giugno,ormai la neve era pochissima.
    la prossima volta lo rifarò anch’io in questo periodo, trooooooooooooppo bello
    Anna

  3. Avatar

    Tesoro, quei paesaggi sono magici. Io ci trascorro sempre qualche settimana d’estate perché se sono magnifici innevati a mio avviso lo sono anche di più verdi e fioriti. Figurati che io vivo a 2 ore da li eppure mi sembra di entrare completamente in un altro mondo. Però dai, se la prossima volta ci torni per far felice il marito fammelo sapere che ci si può organizzare per una tazza di caffé. 🙂 Un abbraccio

    1. Avatar

      Sai che ti ho pensato? Perchè ho immaginato che eri vicina però … eravamo in compagnia, solo in 18!! La prossima volta se veniamo soli te lo faccio sapere. Un abbraccio a te

    1. Avatar

      Con la neve è davvero uno spettacolo; un muro di neve alto due metri! Deve essere bello anche nelle altre stagioni credo ma con la neve è notevole! Ciao bella, un bacio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.