Lombardia – Pizzoccheri

Eccomi qui con questa nuova rubrica che vi ho annunciato l’altro giorno: le Ricette regionali. Naturalmente non potevo non aprire con la Lombardia, la mia regione. Ho pensato che era banale aprire con il classico Risotto alla milanese, anche se mi sono resa conto di non averlo mai inserito nel mio blog! Sono quelle cose che fai abitudinalmente e dai per scontato. La prossima volta inserisco la mia ricetta, che poi è la classica milanese. 😉 Quindi ho deciso di aprire con i Pizzoccheri. Naturalmente ci sono diverse versioni della ricetta, per Pizzoccheri si intende la pasta preparata con grano saraceno. Vi rimando a Wikipedia per avere informazioni più dettagliate di questa pianta. Si tratta di un impasto fatto con non meno del 20% sul totale della farina di grano duro, secondo il disciplinare della Valtellina. Io preferisco usare un quantitativo maggiore di grano saraceno, rispetto alla farina. Trovo siano più rustici. L’impasto finale si presenta scuro e leggermente sostenuto, rispetto alle classiche tagliatelle. Va stesa rigorosamente a mano, a uno spessore di qualche millimetro, non troppo sottili. Tendono comunque a spezzarsi, l’importante è che si spezzino in maniera netta, segno di un buon impastamento.

Per quanto riguarda il condimento c’è anche qui un disciplinare della Valtellina, fatto con verze, cipolla, patate e formaggi. Io preferisco la versione più soft con erbette o spinaci al posto della verza, che secondo me ha un sapore troppo pronunciato. Senza cipolle e con formaggi misti. Anche la mia versione appartiene ai classici pizzoccheri, anche se non è la classica del disciplinare. Ha un sapore più dolce, dato anche dal tipo di formaggi utilizzati. A voi scegliere quale preferite. L’importante è il tipo di impasto che utilizzerete. Certo se non avete dimistichezza con gli impasti, vanno bene anche quelli che acquistate ma almeno provateci, non sono difficili da fare.

Fermo restando l’impasto della pasta, vi metto gli ingredienti del condimento del disciplinare, riportato sulla mia enciclopedia “La cucina regionale Italiana” della Mondadori: 011per 4 persone – 1 grossa patata, 500gr di verza, 1 cipolla dorata, 80gr di burro, 2 spicchi di aglio, 8/10 foglie di salvia, 100gr di casera stagionato (formaggio). Il procedimento è lo stesso mio che vi metterò sotto. L’unica differenza è che la cipolla va prima soffritta con 30gr del burro previsto e poi va messa nell’acqua a bollore insieme alla pasta. La pasta la fanno grosso modo come la faccio io, solo che le loro dosi mi sembrano un pochino scarse … o forse siamo io e mio marito che siamo due mangioni? Ora vi scrivo la mia ricetta e il procedimento. Attenzione perchè questo può essere considerato un piatto unico, in quanto è molto ricco. Dopo un dolce o un frutto completano il pasto. 028

Ingredienti per due persone:

Per la pasta: 175gr di farina di grano saraceno

50gr di farina di semola di grano duro

130gr di acqua tiepida

per il condimento: 300 di erbette e coste

130gr di patata

120gr di formaggi misti (Montasio, Taleggio, Fontina, grana)

40gr di burro

1 spicchio di aglio

Salvia, sale e pepe

Procedimento:

Ho prima di tutto preparato l’impasto nel solito modo; farine miscelate e a fontana, l’acqua in centor e impastato per un 10 minuti almeno, a mano. Potete anche farlo nel bimby o nel mixer, come volete. Ho fatto riposare il mio panetto di pasta, ben coperto per almeno mezz’ora. Ho poi steso con il mattarello e ritagliato delle fettucce di pasta lunghe circa 10cm e larghe 2 cm. Ho lasciato asciugare e mi sono dedicata al condimento. Pizzoccheri ridottaHo pulito e lavato le erbette e le coste (a volte uso anche gli spinaci misti alle erbette, a seconda di cosa trovo di fresco).024 Ho sbucciato, lavato e fatto a dadini la patata. Ho messo a bollire una grossa pentola di acqua. Intanto ho messo l’aglio in un padellino insieme alla salvia e al burro. Ho tagliato a tocchetti piccoli i formaggi.

Quindi ho calato nell’acqua in ebollizione e salata le verdure e le patate. Ho cotto per circa 15/20 minuti. Assaggiate le patate, devono essere cotte ma al dente. A questo punto ho calato i Pizzoccheri e cotto per altri 5 minuti circa. Assaggiate anche qui, i Pizzoccheri devono rimanere al dente. Intanto che ho calato i Pizzoccheri ho acceso anche il pentolino con dentro l’aglio e il burro e fatto sciogliere e insaporire per bene. Quindi ho scolato la pasta con le verdure, molto bene. Ho rimesso tutto nella pentola calda, aggiunto i formaggi e poi il burro fuso, a cui avevo tolto aglio e salvia. A me non piace trovarmeli in mezzo ai denti ma voi potete anche lasciarli. Questo va mischiato tutto a fuoco spento. 025 Servire immediatamente in ciotoline o piatti caldi. 026

027Mi piacerebbe sapere che li provate e se vi piacciono. Mi fate sapere?

Bene, con questa rubrica vi aspetto settimana prossima con un altra regione della nostra bellissima Italia. 😉

Print Friendly, PDF & Email

37 pensieri su “Lombardia – Pizzoccheri”

  1. Adoro i pizzoccheri…e in realtà, li preparo assai raramente. Occorre rimediare. Da bambina li mangiavo spessissimo..mio papà li preparava troppo buoni, e i tuoi, hanno un aspetto magnifico 🙂 Ti abbraccio tesoro bello <3

  2. Ecco che ho imparato la vera regione di questo piatto invernale strepitoso. Figurati che nella mia testa è sempre stato valdostano o.O!!! ‘namo bene eh? Sì sì, decisamente utile questa rubrica, mi piace 😀 Un bacio, buona serata

  3. Ciao tesoro finalmente riesco a passare!!
    o meglio, a lasciare un commento, che passare passo sempre 🙂
    allora, confesso, mai mangiati i pizzoccheri, però mi piace molto il grano saraceno, lo uso per fare le galettes di Piero, una specie di crepes, che poi quelle che avanzano ci faccio una pasta al forno in bianco, con i formaggi. Buonissima!
    Quindi sono certa mi piacerebbero pure i pizzoccheri. La tua versione però, non me ne voglia il disciplinare :))))
    ciao tesoro ti abbraccio!!!

    1. ps. (non c’entra niente coi pizzoccheri :))) volevo dirti, hai visto che nel post del panterrone ti ho ringraziata per l’aiuto con la pasta madre?? te lo dico solo perché se non te ne eri accorta ci tenevo che lo sapessi!! un bacione!:)

      1. ipasticciditerry

        Sono già corsa a scusarmi nel condominio :'(
        Davvero … le gallettes? non so cosa siano, dopo vado a curiosare dallo zio. Provali i Pizzoccheri Tam, sono buonissimi, sono certa che ti piaceranno un sacco.
        Buona giornata tesoro

  4. Che bella avventura Terry! una scarrozzata gastronomica in giro per l’italia! Iniziamo con un bel piatto, questi pizzoccheri devono proprio buoni!
    un abbraccio a presto!!

    1. ipasticciditerry

      Si Stefy, sono davvero buonissimi. Io li faccio ogni tanto, non spesso perchè non riesco a mangiarne un piattino ma una volta tanto, un bel piattone ci sta nooo? Ci ritroviamo settimana prossima, sto già studiando la prossima ricetta.

    1. ipasticciditerry

      Anche per te lo stesso discorso che ho fatto a Carmen, secondo me ti piaceranno. Io l’aglio lo tolgo ma secondo me a te piacerebbero con l’aglio a pezzetti e insaporiti 😉 Poi fammi sapere tesò

  5. Bella Terry!!!!!!!!!!
    Buoni i pizzoccheriiiii….
    E’ un piatto che conosco bene e che mangio tutte le volte che salgo a Bergamo da una zia di mio marito…
    Anche lei li fa con le erbette o spinaci e, anche se non ho mai assaggiato quelli da “disciplinare”, posso confermare che sono davvero buonissimi!!!
    Grazie a te che come sempre, e con Amore, condividi il tuo sapere.
    Un abbraccio forte forte! ♥

      1. ipasticciditerry

        Ahahahhhhhh bellissima la tua faccia a triangolo e pure sdentata! Perchè sei troppo bella e il mio blog non vuole farti vedere agli altri!! Dai ma che vi frega della faccina? Grazie amore mio, se li mangi a Bergamo immagino siano capaci di farli e anche buoni!! Buona domenica e un abbraccione

        1. Ahahahahahaahaha Terryyyyyyyyyy!!
          Si, non me ne bugera niente delle faccine ma son così buffe e mi piacciono un sacco perché mi fanno ridere :)))))))))))))))

          p.s. il tuo abbraccio me lo sogno pure la notte!!!!

  6. Ciao Terry, li adoro e li ho fatti solo una volta un bel po’ di tempo fa, la tua versione è gustosissima… mi hai fatto venire una gran voglia di prepararli!!! Brava, bella questa rubrica delle ricette regionali!!!
    Bacioni, buon fine settimana…

    1. ipasticciditerry

      Grazie Ely, sono contenta che ti piaccia la rubrica 😉 E’ un piatto interessante e gustoso, secondo me. ogni tanto si può fare per variare, certo spesso sarebbe un pò troppo, con tutti quei formaggi, burro … non è proprio light ma si può fare. Buona domenica tesoro

  7. Terry adoro i pizzoccheri!!!! pensa che quando li faccio li cucino solo per me perchè a mio marito non piacciono!!!
    Io li faccio con verza ed erbette, senza cipolla!
    Un bacione cara! Buon weekend!

  8. con un inizio così della tua rubrica cara Terry io mi preparo già con il bavaglio e mi siedo a tavola con forchetta in mano e panciona pronta!!! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *