Briosce supersoffici e morbidissime di Nico

Buongiorno!
Bentornati dalle vacanze, ci siamo tutti? Non credo …
Come sapete io ho avuto un estate piuttosto difficile e anomala. In realtà sono stata via solo una settimana, per il resto del tempo sono stata a casa, godendomi una strana stagione, sia dal punto di vista metereologico, sia dal punto di vista personale. Però la vita deve riprendere il suo corso, perciò cerchiamo di superare la tristezza e riprendiamo a impastatare e cucinare!!
Oggi voglio presentarvi una ricetta del mio amico Nico, grande sperimentatore di lieviti naturali. Devo a lui gran parte delle mie conoscenze in questo campo. Grazie Nico, lo sai quanto ti stimo 😉
Queste sono delle Briosce supersoffici e morbidissime, fatte con il lievito liquido (vi metterò anche le dosi per la pasta madre e il lievito di birra, così non avrete scuse per non farle). Vi dico però che occorrono circa tre giorni, da quando iniziate l’impasto a quando ve le potrete pappare. Sono indispensabili per ottenere una morbidezza che vi stupirà. Si conservano in sacchetti di pellicola per alimenti, i classici cuki o domopack. Io le ho tenute una settimana, chiuse nel sacchetto spruzzato di alcool puro, come faccio con i panettoni & company ed erano ancora belle morbide e profumate fino all’ultimo giorno, poi sono finite e perciò non so quanti altri giorni potevano durare.
Siete pronti? Via
Ingredienti per una ventina di briose circa:
per il polish
20gr di lievito liquido al raddoppio (oppure 20gr di pasta madre oppure 2gr di lievito di birra)
50gr di farina manitoba
50gr di acqua
10gr di zucchero
250gr di farina manitoba
250gr di farina 00
250gr tra latte e 2 uova intere (albume e tuorlo) io ne usato 310gr
125gr di zucchero
10gr di latte in polvere (se non lo avete potete fare senza ma secondo me indispensabile)
8gr di sale fino
1 cucchiaino di malto
200gr di burro morbido
aromi a piacere (io ho messo 1 cucchiaino di Crema di arance e i semini di una bacca di vaniglia)
Se serve altri 20gr di latte
Procedimento:
Ho preparato il polish (io ho usato 40gr di lievito liquido+60gr di acqua+60gr di farina manitoba) senza zucchero, semplicemente perchè sono partita non sapendo ancora che ricetta avrei fatto. Ho frullato per bene e fatto triplicare. Deve fare le bolle, crescere e poi quando comincia a scendere è pronto da usare. Io l’ho preparato nel tardo pomeriggio (verso le 18) e lasciato tutta la notte.
Al mattino l’ho messo nell’impastatore con la frusta a k e aggiunto prima i liquidi; ho pesato le due uova sgusciate e ho aggiunto il latte fino ad arrivare a 250gr. Ho fatto partire il ken sul 1 aumentando gradatamente al 2. Ho poi aggiunto tutto il resto, sciogliendo il sale in 40gr di latte. Quando l’impasto era bello compatto ho cambiato la frusta e messo il gancio. L’impasto ha incordato subito.
A questo punto ho aggiunto il burro poco alla volta. Il mio impasto lo permetteva e ho aggiunto altri 20gr di latte, goccia a goccia. Qua vedete voi, potrebbe anche essere che le vostre farine non lo assorbono come le mie. Alla fine deve venire un impasto così, come in foto.
Ho fatto anche la prova velo, la pasta si estende e non si rompe.
A questo punto ho fatto una bella palla, aiutandomi con le mani bagnate e messo nella mia ciotola con coperchio a lievitare a t.a. per circa tre ore. Poi ho messo la ciotola in frigo fino al giorno dopo.
Ho steso l’impasto in un rettangolo e diviso in quattro e ogni striscia in cinque. Vedete voi quanto le volete grandi.
Ho formato le mie briosce a fagottino e briosce classica e messo a lievitare in diverse teglie alte foderate di carta forno. Crescono TANTISSIMO!! Non fate come me che si sono appiccicate tutte 🙁
Le ho lasciate fino a completo raddoppio a t.a. coperte con pellicola. Attenzione che non tocchi le briosce, per questo vi ho detto di usare delle teglie alte. A me ci sono volute circa 8 ore, perciò regolatevi. Sapete ormai benissimo che non posso darvi tempi, dipende da molti fattori.
L’unica cosa che vi raccomando è di lasciare l’impasto in ciotola nel frigo per almeno 24 ore.
Ho poi messo in forno a 180° per circa 15 minuti. Dovrete fare circa 4 infornate, perchè crescono tantissimo, come vi ho già detto. Non occorre spennellarle prima di infornare.
Le ho poi sistemate in sacchetti spruzzati di alcool e chiuse con un laccetto. Provatele perchè sono morbidissime, profumate e buonissime!! Potete anche mettere delle gocce di cioccolata, se volete. Io le preferisco neutre, poi se voglio le taglio e farcisco al momento. Sono buone anche con il gelato. :))

 

Potevo NON partecipare alla fantastica raccolta di Panissimo? Certo che no!

Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Panissimo dei blog di Barbara di Pane & companatico  e Sandra di Indovina di viene a cena

Print Friendly, PDF & Email

58 pensieri su “Briosce supersoffici e morbidissime di Nico”

    1. Avatar

      Guarda che non ci sono scuse, c’è anche la versione con ldb. In fondo l’impasto è semplice, devi solo lasciarle lì a lievitare, senza nemmeno guardarle, che vuoi di più? Non me la conti giusta te negli ultimi tempi. Un baciotto

  1. Avatar

    Ciao Terry…..sempre con le mani in pasta e direi anche con ottimi risultati…..io con questo caldo non ci riesco, mi oiacerebbe provare questa tua ricetta…chissà se ne avrò il tempo….i prossimi mesi, come ben sai, sono sotto pressione con lavori in casa …….un bacione e in bocca al lupo!

  2. Avatar

    Ciao Terry!!!
    Bentornata …sono felice di ritrovati!!! Come state!!?? Lo so ci vuole del tempo…. è una l’unica medicina in questi casi….

    Ma guarda che mi combini….sono favolose…certo di pazienza ne hai da vendere….ma alla fine il risultato ti ha premiato!!!
    Bravissima come sempre…

    Un abbraccio forte
    monica

    1. Avatar

      Ciao Monica!! Che bello ritrovarvi, mi fa bene al cuore. Si cerca di riprendere una vita diversa da quella degli ultimi anni, per forza di cose condizionata da impegni che ora non ci sono più … sembra come se non ci fosse più niente da fare, le giornate sembrano vuote. Però ci stringiamo e troviamo la forza una nell’altro e andiamo avanti mano nella mano.

      Grazie, hai visto che belle briosce? Se hai voglia di provarle i tuoi tre cuccioli ti ringrazieranno! Ti abbraccio forte forte

  3. Avatar

    Queste le devo troppo provare. Amo molto preparare le brioches e ti ringrazio per questa ricetta deliziosa. Complimenti anche a Nico 🙂 Ti capisco per questa estate. Io non sono nemmeno andata in vacanza e dopo un anno senza primavera, anche l’estate non è stata calda e lunga come da un anno la aspettavo.. sono un po’ provata anche io per vari motivi e quest’anno è tutto veramente strano.. Un abbraccio, forte.

    1. Avatar

      Ciao Ely, che bello ritrovarvi tutte, piano piano. Forza e coraggio Ely, non so i motivi della tua “strana estate” ma passerà, me lo insegni tu con i tuoi bellissimi racconti. Guarda bene in cielo e troverai la tua stella guida che ti darà pace e serenità.

      Se le provi fammi poi sapere, un baciotto enorme!

  4. Avatar

    Terry cara, sono rientrata ieri al lavoro e non ho ancora trovato il tempo per fare un giro sui blog… ma il tuo non me lo volevo perdere. Purtroppo ho appreso solo ora di quanto ti é successo. Non sono mai in grado di trovare delle parole dinnanzi al potere distruttivo delle malattie: “meglio così per la persona ammalata” dicono. Magari per lei é vero, ma non per i suoi cari, per tutti coloro che l’hanno amata. “Dai tempo al tempo”, ma se una persona ci é nel cuore, neanche il tempo può affievolirne la mancanza (e questa, in fondo, é una bella cosa, che mi fa sperare nell’amore vero!). L’unica cosa che posso dire é citare delle parole che mi entrarono in testa tempo fa e cioé che bisogna essere grati per aver avuto la possibilità di percorrere almeno un pezzo di strada con i nostri amati che tanto ci hanno dato in questo tragitto. Sono sicura che queste parole non possano farvi stare meglio, ma testimoniano una vita fatta di amore, di amore vero! Ti abbraccio con tutto l’affetto che ho. Elle

    1. Avatar

      Invece la penso esattamente così; è bello aver avuto la possibilità di conoscere persone così speciali. Io sono credente e sono certa che un giorno ci ritroveremo. Il suo ricordo rimarrà per sempre con noi e una strana pace ci ha pervaso da quando è andata via … la consapevolezza che ora sta meglio e corre felice nei prati del cielo. Grazie Elle. Spero che riuscirai a passare più spesso ma sopratutto a scrivere qualcosa nel tuo blog, io ti aspetto sempre. Un baciotto

  5. Avatar

    Carissima Terry…. e allora è accaduto…?????
    ti capisco completamente e posso dirti che, il tempo, ci aiuta soltanto ad imparare a convivere con questi dolori immani….non a dimenticare….
    un bacione e grazie di questa meravigliosa ricetta che proverò in questi ultimi giorni di ferie.

  6. Avatar

    Sono semplicemente perfette, Terry, sembrano di cotone filato.
    Sei stata gentilissima a provarle. Lo sai che ti voglio tanto bene, vero?
    Grazie per questo ringraziamento!
    Nico

  7. Avatar

    Cara Terry, pian piano tornerai alla tua vita e alla tua “normalità”, nel senso che accetterai…ma già sai che in un certo senso tutto sarà diverso, è così, e non potrebbe essere altrimenti.
    Quanto a queste brioches, la morbidezza di vede, eccome..e ho imparato una cosa..che per mangiare lievitati eccezionali, non bisogna aver fretta..quindi, credo che il risultato, valga assolutamente i 3 giorni di attesa ! Grazie per la ricetta ! Ti abbraccio

    1. Avatar

      Infatti è così, le giornate sembrano vuote ma abbiamo la serenità nel cuore e la gioia di aver vissuto con una persona così speciale.

      Verissimo, io lo dico sempre; con i lievitati bisogna buttare l’orologio, bisogna solo guardare e aspettare. Se le provi fammi sapere, un baciotto

  8. Avatar

    Inutile dire che io sono una tua grandissima fan e che adoro tutte le tue pizze, brioches e quant’altro…ti vengono benissimo, ma come fai?
    grazie mille per tutti i tuoi consigli!
    In bocca al lupo per il resto e spazza via sempre in questo modo la tristezza,anche per me questa passione è infinitamente terapeutica!
    baci e a presto!

  9. Avatar

    Ciao Terry, mi dispiace tanto sapere che hai passato dei momenti poco felici e spero possa passare tutto presto… ti auguro di ripartire alla grande e di ritrovare la serenità. Sei una bella persona, basta poco per capirlo, e sono sicura che ce la farai! Noi siamo con te <3 Grazie per esserci e complimenti per queste deliziose briosce, salvo la ricetta 😉 Un grande abbraccio :**

  10. Avatar

    Ciao Terry ti auguro di riprendere la tua vita con più grinta e srenità di prima in modo da superare i momenti difficili! Complimenti per queste super morbide briosce, che mi auguro di provare al più presto! Un abbraccio forte forte
    Paola

  11. Avatar

    Grande Terry, dicono che il tempo aiuti….per cui come per i lievitati ci vuole tempo!!!!
    E per quanto riguarda i lievitati questa tua ricettina è davvero invitante, e davvero morbidose!!!
    Buona giornata

  12. Avatar

    Ciao terry non ho mai commentato ma ti seguo da un pò. Bellissima ricetta, provero sicuramente a farle. Ieri ho fatto il tuo gelato alla nocciola, era fntastico i miei ospiti mi hanno fattto i complimenti. Oggi voglio provare a fare i grissini con la pasta madre. Ciao e grazie delle ideeche ci dai!!

    1. Avatar

      Grazie Maruska! Alla fine questa è la mia soddisfazione, mettere a disposizione quello che so fare in cucina, è il life motive del mio blog. Ti aspetto allora, quando vuoi lasciarmi un saluto o chiedere qualcosa sono qui. Vedrai che i grissini ti conquisteranno.
      Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.