Scorzette di arancia candita

Buongiorno a tutti.

L’estate qui da noi sta lasciando il passo all’autunno, le giornate si sono accorciate e le temperature ci ricordano di portarci dietro il golfino … Oggi la giornata è grigia già al mattino e la pioggia non tarderà a scendere. Io adoro l’estate e le temperature calde, il mare e il sole. Mi piacciono anche le mie dolci colline, sopratutto nelle giornate con il cielo azzurro azzurro. Dalle mie finestre vedo Montevecchia e il suo santuario, non so se lo conoscete. Ebbene oggi è talmente grigio che si intravede a malapena. Mi sento un pochino triste, come la giornata …
E allora cerco di distrarmi con una delle mie passioni: la cucina. oggi voglio farvi vedere come preparo le mie scorzette di arancia candite. Sono semplicissime da fare, la ricetta non è mia ma, come al solito vi voglio spiegare il mio metodo per prepararle. Io le uso nei miei lievitati, tipo panettoni o nelle veneziane, come QUESTA che vi ho spiegato l’altro giorno.

Ingredienti:
Arance non trattate
zucchero

Procedimento:

Tagliare la scorza delle arance a spicchi, incidendo la parte arancione e staccando quello che viene dietro, compreso la parte bianca. Metterla in acqua fresca e porre sul fuoco. Portare a bollore per 10 minuti circa. Scolare e ripetere il procedimento per almeno tre volte. Servirà a togliere l’amaro della scorza.
Fatto questo scolarle per bene e pesarle. Tagliarle a listarelle lunghe e porle in una larga padella che le contenga tutte senza sovrapporle. Unire lo stesso peso di zucchero e poca acqua. Portare su fuoco dolce e tenerle girate fino a quando lo zucchero si scioglie e si asciuga completamente rimandendo attaccato alle scorzette. Non abbandonarle mai sul fuoco da sole, tenetele girate con un cucchiaio di legno fino alla fine. Quando sono pronte mettere della carta forno su un piano protetto da una copertina o comunque non a contatto con il mobile, lo zucchero si sarà caramellato e scotta. Attenzione anche a non toccare con le mani altrimenti vi ustionate. Rovesciare le scorzette sulla carta forno e stenderle per bene, in modo da non sovrapporle nemmeno qui.
Lasciarle asciugare qualche ora. Io personalmente le tengo dalla sera alla mattina e non le faccio seccare completamente altrimenti si induriscono e io le preferisco tenere. Le faccio a pezzettini piccoli piccoli e le sistemo in un vaso tipo della Bormioli, con coperchio.
Non ne faccio tante, diciamo due o tre arance al massimo. Preferisco farle fresche più spesso.
Anche perchè così morbide non vi durerebbero tanto. Io tengo il vaso in frigo.
Provatele anche bagnate al cioccolato; sono divine. Per farle al cioccolato, dovrete aspettare che induriscano un pochino di più e senza tagliarle a pezzetti piccoli, quando sono a listarelle bagnatene metà nel cioccolato sciolto e fate asciugare di nuovo su carta forno. Io le ho fatte una volta e penso di non ripeterle più: SONO TROPPO BUONE e sono un attentato per la dieta.
Fatemi sapere se le provate, grazie!
Print Friendly, PDF & Email

21 pensieri su “Scorzette di arancia candita”

  1. Avatar

    Sei una fonte inesauribile, stavo proprio cercando la ricetta per candire le bucce di arancia….proprio in vista della mia avventura con tuo il pandoro alieno….ho un arancio abbastanza produttivo…….non immagini quante scorze ho buttato……..baci

    1. ipasticciditerry

      Caspita e io invece le vado a prendere anche da mamma, io non riesco a mangiarmi tutte le arance che mi servono per fare le scorze candite. Certo che avere un albero proprio è una figata pazzesca!! Beata te Sandrina, un bacio

  2. Avatar

    Ciao terry ke bella ricetta! ! Anche io devo fare le bucce candite e vorrei un’informazione. Quanto tempo prima le posso fare.? Vorrei resttassero imorbide. .nin è che poi induriscono? Grazie mille 😀

    1. ipasticciditerry

      Con il tempo tendono a indurire in effetti, io facendo panettoni a raffica le faccio al massimo quattro o cinque giorni prima. Al limite se hai tante bucce le puoi fare e poi dividere in sacchetti di peso giusto per quello che ti serve e congelarli. Basterà toglierli dal freezer dalla sera alla mattina e voilà, come appena fatte.
      Grazie, a presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.