Pane rustico al farro e ceci – al km0 Festa dei nonni

25 Comments

Pane rustico al farro e ceci. Ho scelto questo pane come contributo alla raccolta al Km 0, la raccolta che segue la stagionalità e i prodotti, appunto, a km 0 della zona da cui scrivo. Ho vinto il Contest al Km0 e il mio contributo sarà questo pane e un altra ricetta che vi proporrò tra due settimane ma non vi dico di cosa si tratta. Dovrete pazientare.

Chi mi segue sa la mia attenzione ai prodotti del territorio, o comunque prodotti genuini che possono arrivare da zone dove mi trovo per vacanza o diletto. Anche la stagionalità per me è molto importante. Come dico sempre; non si può mangiare l’anguria a dicembre o le verze ad agosto … Ecco perchè sono felice di partecipare con le mie due ricette, questa e quella che arriverà.

L’argomento di oggi è “la festa dei nonni” Cosa c’è di meglio di un buon pane rustico e saporito, con farine che arrivano direttamente dal molino dietro casa, per accompagnare la cena della festa dei nonni?

Il tema appunto è la “Festa dei nonni” e sono certa che a tutti i nonni piaccia il pane … sopratutto se è genuino, sano e rustico, come il mio.

Con della farina di farro, farina tipo 2 (quindi rustica) e l’aggiunta di farina di ceci, il pane assume un colore leggermente scuro e il profumo che rilascia è intenso, provare per credere. Pane rustico al farro e ceci.

Pane rustico al farro e ceci (5)

 

 

Ingredienti:

polisch con

60 g di pasta madre al raddoppio (oppure 5gr di lievito di birra)

60 g di acqua

60 g di farina manitoba

 

Autolisi con

100 g farina tipo 2

100 g farina di farro

50 g  farina di ceci

200 g farina 0

200 g di acqua

 

Impasto con

Polish

Autolisi

100 g di acqua

1 cucchiaino di malto

1 cucchiaino di sale

 

Poco olio per la ciotola

 

Procedimento:

Preparare il polish sciogliendo la pm nell’acqua, sbattere molto velocemente con una frusta a mano, fino a formare una schiuma. Aggiungere piano piano la farina, sbattendo con una forchetta, fino ad amalgamare il tutto. Si formerà una pastella morbida e appiccicosa. Coprire e lasciar riposare per circa 12 ore.

A polish pronto, mettere direttamente nella ciotola dell’impastatrice (io bimby) gli ingredienti per l’autolisi. Far girare giusto per idratare le farine. Lasciar riposare per circa un ora, coperto.

A questo punto impastare, aggiungendo l’acqua e il malto segnato negli ingredienti. Io con il bimby ho impostato 5 minuti, funzione spiga. Mentre sta impastando, aggiungere il sale. Il risultato sarà un impasto incordato ma morbido, che scappa un po’ ma va bene così.

Oliare la ciotola con un giro di olio extra vergine e versare l’impasto ottenuto. Dare dei giri al centro e lasciar riposare per 15 minuti circa. Ripetere i giri al centro con i riposi, fino a ottenere un impasto più sodo, arrotondare e chiudere sotto. Coprire e lasciar partire la lievitazione a t.a. A me ci sono volute due ore circa. Poi mettere la ciotola in frigo per circa 12 ore.

Controllare, l’impasto deve essere almeno raddoppiato. Accendere il forno al massimo della temperatura. A questo punto infarinare il piano di lavoro, rovesciare l’impasto, freddo da frigo, dividere in due o formare anche una sola pagnotta, come preferite.

Pane rustico al farro e ceci

Arrotondare e dare la forma, fare dei tagli con una lametta apposita. Poggiare direttamente sulla griglia del forno, sopra la carta forno. Sul fondo del forno, mettere una teglietta con dentro dell’acqua fredda. Infornare il pane in forno, ben caldo.

Lo sbalzo di temperatura, da freddo a caldo, farà lievitare ulteriormente il vostro pane in forno. Spruzzare le pareti del forno con acqua fredda per dare vapore e permettere al pane di lievitare, senza formare subito la crosta.

Tenere alla massima temperatura per circa 10 minuti, poi abbassare a 220° spruzzare di nuovo di acqua e lasciare per altri 10 minuti circa. Di nuovo spruzzare di acqua e abbassare a 200° per altri 10 minuti.

Togliere la carta forno e depositare il pane direttamente sulla griglia. Togliere anche la teglietta di acqua dal fondo. Accendere la funzione ventilato per dare modo di formare la crosta per gli ultimi 10 minuti di cottura.

Se fate un unico pane portare i minuti a 15, seguendo gli stessi step. Quindi 15 minuti al massimo, 15 a 220° ecc ecc

Pane rustico al farro e ceci (6)

Pane rustico al farro e ceci (7)

Sentirete subito un profumo di tostato, già durante la cottura. Se riuscite meglio farlo raffreddare bene, prima di tagliarlo. Si conserva per 3 o 4 giorni, avvolto  in una sacca di cotone, all’interno di un sacchetto di carta del pane. Sempre ammesso che vi duri tutti questi giorni.

Pane rustico al farro e ceci (9)

Buonissimo, io l’adoro e anche mio marito non ha storto il naso, vedendolo un po’ scuro. Naturalmente gli ho detto solo quando era finito che dentro c’era Farro e Ceci. 😉

Pane rustico al farro e ceci (11)

Ecco Simona, questo è il pane che ho scelto per la rubrica al Km 0, la “festa dei nonni” ti piace?

 

Con questa ricetta partecipo alla rubrica al km 0 organizzato da Batuffolando ricette, I biscotti della zia e un’arbanella di basilico

“festa dei nonni”

Estate logo al km 0 280

Ecco le altre ricette delle mie compagne che ringrazio ancora per l’opportunità

Colazione da Carla Ciambella di mele e yogurt
Pranzo da Consu Soba in brodo di verdure colorate
Merenda da Simona Frutta cotta speziata per la festa dei nonni
Cena Ospite Terry Pane rustico al farro e ceci

 

E naturalmente porto questo pane anche dalla mia Sandra alle ricette itineranti 

RICETTE-ITINERANTI

Con questo è davvero tutto. Visto che è venerdì vi auguro un buon fine settimana, il mio sarà molto intenso. Domenica ho al mattino la cresima della mia nipotina Paola e il pomeriggio il battesimo del mio Gabriele. Ci si ritrova lunedì con una bella sorpresa, vi aspetto.

Goditi la vita perchè è una sola e non va sprecata.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Print Friendly, PDF & Email

Related posts:

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

25 Responses to “Pane rustico al farro e ceci – al km0 Festa dei nonni”

  1. Silvia Brisi

    E’ meraviglioso Terry!! Anche io oggi sono di pane, farei a cambio per sentire il sapore di questo, deve essere squisito!!
    Allora buon we super impegnato, un bacione grande anche ai tuoi nipotini e ti aspetto Lunedì con la sorpresa, sono molto curiosa!!
    A presto!!!

    Rispondi
    • ipasticciditerry

      ipasticciditerry

      Peccato essere così lontane allora! Io ti avrei dato un pò di questo per assaggiare e avrei fatto altrettanto con il tuo. Grazie mille per essere sempre così presente Silvia, un bacione

      Rispondi
  2. Simona

    wow tesoro! wow e ri wow posso solo immaginare il profumo pazzesco nella tua cucina, poi insomma tu sei una (giovanissima!) nonna no? quindi già testato per l’occasione della vostra festa :-) bacioni e grazie mille per questo graditissimo contributo alla rubrica, non vedo l’ora di vedere la prossima :-)

    Rispondi
    • ipasticciditerry

      ipasticciditerry

      Certo, sono felicemente nonna anche io. Grazie a te e alle altre per l’ospitalità.

      Rispondi
  3. LAURA CARRARO

    Deve essere delizioso questo rustico pane, qualità dei prodotti e tanta passione non possono che dare il meglio!!!
    Auguri per il tuo impegnato we
    Baci

    Rispondi
  4. zia consu

    E’ un vero piacere averti nostra ospite questo mese e il tuo contributo è davvero prezioso! Mio nonno non pasteggiava mai senza pane e questo lo avrebbe adorato ^_^
    BUon we <3

    Rispondi
    • ipasticciditerry

      ipasticciditerry

      Ecco da dove arriva la tua passione per il pane! Sempre i nonni c’entrano … Grazie anche a te Consu, alla prossima

      Rispondi
  5. Chiara

    complimenti per la vittoria al contest km0 ! I tuoi pani sono sempre speciali, quanto vorrei avere la tua bravura, io con il lievito madre sono negata ! Passa un sereno we, un abbraccio

    Rispondi
    • ipasticciditerry

      ipasticciditerry

      Tutto sta a buttarsi Chiara ma devi averci la passione altrimenti è tutto più complicato. Grazie mille, sei sempre un tesoro. Un bacione

      Rispondi
  6. Daniela

    Ma certo che i nonni amano il pane, soprattutto se è buono e fragrante come questo.
    Un bacio e buon fine settimana :)

    Rispondi
    • ipasticciditerry

      ipasticciditerry

      Vero? Infatti lo penso anche io. Anche mio nonno non si sedeva nemmeno a tavola, senza pane. Grazie, un bacione anche a te

      Rispondi
  7. gaia sera

    Ma nemmeno a farlo apposta, come se ci fossimo accordate sul fare i rispettivi post sul km 0 😊 Il tuo pane è meraviglioso, pare di sentirne il profumo e poi chi è la regina dei lievitati se non la mia Terry? Ricetta pane copia-incollata subito e tantissimissimi auguri a Paola e Gabriele.
    Un abbraccione tesoro ❤️

    Rispondi
    • ipasticciditerry

      ipasticciditerry

      Grazie, troppo buona. No dai, la regina dei lievitati non credo di esserlo, diciamo che me la cavo. Da me tutte le ricette, sono a km 0. Del resto mi servo solo da produttori locali ed è difficile che da me trovi alimenti fuori stagione. Grazie anche per gli auguri ai miei due tesori, un abbraccione grande anche a te

      Rispondi
  8. edvige

    Ottimo se me ne mandi un pò io mangio ma farlo non è nelle mie corde. Buona fine settimana un abbraccio.

    Rispondi
    • ipasticciditerry

      ipasticciditerry

      Te lo manderei proprio volentieri Edvige … Anzi, facciamo così, vieni da me e te lo faccio trovare. Grazie un abbraccio anche a te

      Rispondi
  9. Ombretta "A Sunday morning with"

    Questo pane è davvero invitante sembra super soffice. Grazie mille per la ricetta.

    Rispondi
  10. speedy70

    Suoer anche questo pane rustico, complimenti cara!!!!

    Rispondi
  11. Federica

    che spettacolo questo pane, segnato!!

    Rispondi
  12. sandra

    e come se lo voglio questo pane! inserito mia preziosa Terry!

    Rispondi
  13. Emmettì

    Riparto da questo pane a lasciar traccia del mio passaggio nella tua cucina!
    Lo avevo letto (e stampato pure ricetta) perché mi aveva intrigato subito la presenza della farina di ceci, ma soprattutto le foto di quelle fette che hai messo in bella mostra! Quanto le ho guardate… e anche adesso che torno qui per scrivere ne rimango ancora incantata.
    La mia pasta madre riposa in frigo in attesa che io mi dedichi a lei e non appena riprenderò con i rinfreschi, questo pane sarà mio!!! :-))))

    Grazie per avercelo regalato, Terry! ♥
    Un abbraccio e un bacio bello! :-***

    Rispondi

Leave a Reply