Primo piatto – Ceci con Cavatelli

Ceci con i cavatelli. Adoro i legumi, mi piacciono, li faccio almeno una volta a settimana, alternandoli tra loro. E poi fanno molto bene. Ci ho messo un po’ a pubblicare questa ricetta perché per me è un piatto semplicissimo e non credo di pubblicare niente di nuovo. Però voglio lasciarne traccia per mia figlia, così almeno sa come li prepara la mamma e magari gli viene voglia di provarci anche lei. Io, quando li faccio, ne cuocio una certa quantità, visto che ci vuole del tempo, ne cucino 500 grammi alla volta. Ne faccio tre porzioni da due persone; una la mangio subito, una la consegno a mia figlia e l’altra la congelo, per un’altra volta.

Questi, tra i legumi, sono quelli più “lunghi” da fare, nel senso che ci vuole tempo. Vanno messi a bagno in acqua, con un pizzico di bicarbonato, già la sera prima. Poi vanno scolati, sciacquati e messi in acqua fredda e portati a bollore, su fuoco dolce, per circa tre ore.

Il tempo può essere variabile, dipende molto dalla qualità del legume. Non va salato, se non a fine cottura, altrimenti il sale inspessisce la buccia del cece e ritarda la cottura stessa. Io personalmente preferisco lessarlo così senza niente e poi fare un soffritto a parte e mischiare, magari con della pasta, come in questo caso, fresca. I Cavatelli ci stanno benissimo. Se non volete fare la pasta fresca, andrà benissimo anche della pasta corta, di quella industriale o anche mangiati così, senza pasta a mò di zuppa.

Mia mamma per esempio, li cucina con aglio intero, pezzetti di sedano e qualche pomodoro. Sopra la pentola, al posto del coperchio, ci mette una teglia con dentro dell’acqua, che utilizza per versare dentro i ceci, mano a mano che questa si consuma. Obbligo, al momento di servire in tavola, un giro di buon olio extra vergine di oliva, a crudo, direi indispensabile. A voi la scelta, se cucinarli come fa la mia mamma o con la ricetta che vi lascio. Sono ottimi in entrambi i modi. Ceci con i cavatelli.  

ceci-con-i-cavatelli-9

Ingredienti per 6 persone:

500 g di ceci secchi

Mezzo cucchiaino di bicarbonato

2 carote

1 costola di sedano

1 cipollina piccola

Olio extra vergine di oliva

Sale

Procedimento:

Mettere i ceci a bagno con il bicarbonato, almeno 12 ore prima. Poi scolarli da questo liquido, sciacquarli e versarli in una capace pentola, meglio se di coccio. Coprirli di acqua fredda, che superi di almeno due dita i ceci. Portare lentamente la pentola a bollore e cuocere, coperto fino a completa cottura. Se occorre aggiungere dell’acqua che sia sempre bollente, per non fermare il bollore.

Fare a pezzetti piccoli le verdure, dopo averle pulite e lavate.

ceci-con-i-cavatelli-1

Metterle in un altro tegame di coccio (o anche una pentola, con doppio fondo) con poco olio evo. Far sudare le verdure, tenendo la fiamma bassa e il tegame coperto. Aggiungere ai ceci,  salare e pepare a piacere e far insaporire per almeno una mezz’ora.  Prelevare qualche mestolo di ceci cotti e metterli in un boccale alto. Con l’aiuto di un mixer ridurre in crema e aggiungere al resto dei ceci interi. A me piace che non sia proprio brodosa ma qui, scegliete voi.

cavatelli-con-i-cei1

Se volete servire questa minestra con i Cavatelli, basterà impastare della semola di grano duro, calcolate circa 60 g di semola per due persone. Basterà impastare con circa la metà del peso di acqua, lasciar riposare, coperto per circa 15 minuti e poi tirare dei rotolini piccoli. Tagliarli a 1 cm. di grandezza e con il pollice strisciare ogni singolo pezzetto, formando il Cavatello. Sono facilissimi.

cavatelli-con-i-cei

Cuocerli direttamente nella minestra di ceci per qualche minuto. Se la pasta fresca basteranno cinque minuti, da quando riprende il bollore.

ceci-con-i-cavatelli-10

ceci-con-i-cavatelli-13 

Buona continuazione di settimana, forza che è giovedì!

Salva

Salva

Salva

Salva

Print Friendly, PDF & Email

26 pensieri su “Primo piatto – Ceci con Cavatelli”

  1. mi piace molto questo piatto: partire da legumi secchi e finire con il preparare la pasta fresca in casa rende il tutto davvero speciale nella sua semplicità. e grazie per la perfetta spiegazione riguardo ai cavatelli, mi piacerebbe moltissimo provare a farli e tu fai sembrare sempre tutto semplice e possibile 😉
    un grande abbraccio cara Terry e buon inizio anno!

    1. ipasticciditerry

      Ma davvero sono molto semplici da fare i cavatelli, Tizi. Prova. A volte pensiamo che sia tutto molto più complicato ma basta mettersi e ti rendi conto che avevi un idea sbagliata. Vedrai … Grazie mille tesoro, un grande abbraccio anche a te

  2. Una zuppa cremosa,densa con i legumi che amo tantissimo anch’io,e con quelle chicchette di pasta fatta a mano…Non mi stanco mai della tua cucina,sa dire’ti amo’,attraverso il profumo,i vapori e i bollori.Qui mi sento coccolata,sei una mamma,nonna e moglie unica,sei meravigliosa amica mia.Guarda che prima o poi lo infilo gli scarponcini e arrivo a metterti in croce.Mi porto via la mia ciotolona,mangio beata,a camminare andiamo dopo 😂😂😂

    1. ipasticciditerry

      Gurda Damy, quando vuoi … io sono qui. Sai quante belle chiacchierate e magnate ci possiamo fare insieme? A camminare si va tutti i giorni, altrimenti le nostre schiene ci presentano il conto. Non fare la pigra … io qua ho la scusa di Christian anche se in questi giorni fa talmente freddo, che non ho fatto la passeggiata tutti i giorni, come al solito. Tu però aspetta la primavera così ci andiamo per forza a camminare. ♥

  3. Amo i piatti così!! Anche io frullo una parte di legumi, così la zuppa diventa più densa, io devo essere sincera uso sempre la pentola a pressione per i ceci, sennò ci metto troppo e dato che li mangio spesso anche in settimana preferisco usare quella, così riesco a cucinarli quando torno dal lavoro, facendo anche il bis per l’ indomani a pranzo!! Invece per i legumi più piccoli tipo lenticchie o zuppa mista uso il coccio!!
    E che spettacolo con i cavatelli, devo farli!!
    Un abbraccio carissima, buona serata!!

    1. ipasticciditerry

      Meglio la pentola pressione che i ceci in scatola tesoro. Del resto, quando lavoravo e stavo fuori dodici ore al giorno, anche io facevo così. Altrimenti non sarebbe possibile. Anche il brodo, il minestrone … tutte le preparazioni lunghe le facevo con la pentola a pressione anche io. Tu sei bravissima con la pasta fresca, provali con i legumi, sono fantastici. Un grande bacione a te

  4. Carissima, Spero tu ti sia un po’ ripresa dai vari malanni di stagione….questo piatto oltre che ad essere bellissimo da vedere, è confortante è terapeutico….ci rimette in pace col mondo, oh si!!!
    Un grande abbraccio e buona domenica

    1. ipasticciditerry

      Ciao Simo, macchè! Sempre intasata e con una bella voce bisex … non si capisce se sono un maschio e una femmina ahahahhh. Fa niente, con questo freddo, c’è un disastro in giro e il mio timore è che io ho preso un semplice raffreddamento con tosse. Non ho preso la classica influenza che c’è in giro, quindi ho ancora possibilità di prendermi altri malanni! Questa minestra se non l’hai mai provata la devi fare, sentirai che buona. Grazie e un bacione anche a te

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *