Pane – Filoni di farina 1 e kamut con lievito naturale

Filoni di farina 1 e kamut con lievito naturale. Per aprire il nostro secondo mese insieme a Il Granaio, ho pensato a questo pane. Se siete alla ricerca di un buon pane rustico e casareccio, questo fa al caso vostro. Se volete altre ricette di Pane da me ce ne sono un infinità! Potete sbirciare QUI. Questa ricetta risale a qualche tempo fa, avevo ancora la pasta madre ma ho avuto modo di rifarla anche con il lievito di birra e viene sempre buono lo stesso.

Se non avete la pasta madre, basterà fare un lievitino con 5 grammi di lievito di birra fresco,  sciolto in 35 di acqua con 60 di farina. Lasciar riposare per circa un paio di ore e partire poi con la ricetta. Per fare questo pane ho mischiato un po’ di farine, svuotando i fondi di sacchetto e impastato. Messo di nuovo in frigo e da lì direttamente in forno, senza neanche aspettare il solito tempo di acclimatizzazione … Beh, che vi devo dire? Un pane fantastico! Leggero, ben alveolato, saporito … solo acqua, farine e sale … in fondo per fare un buon pane non serve altro. Filoni di farina 1 e kamut con lievito naturale

Queste le altre ricette delle mie compagne di questa bella avventura de il Granaio

Carla con il suo Pane dolce ebraico al miele

Consu con il Pane ai cereali misti a lievitazione naturale

Sabrina con Pizzottelle cotto e mozzarella

Simona con le Brioches con cioccolato e amaretti a lievitazione mista

Ingredienti per due filoni:

polish

100 g di pasta madre solida da rinfrescare (se è già rinfrescata è lo stesso)*

200 g di acqua

100 g di farina tipo 1

Autolisi

180 g di farina tipo 1

130 g di farina kamut

90 g di farina 00

200 g di acqua

 

100 g di acqua

100 g di farina 00

1 cucchiaino di sale fino

 

1 giro di olio per la ciotola

Semola per spolverare alla fine

*se non avete la pasta madre fare un lievitino con 5 gr di lievito di birra fresco, 35 gr di acqua, 60 gr di farina 00. Aspettare un paio di ore e proseguire con la ricetta, come spiegato sopra.

Procedimento:

Sciogliere la pasta madre (o il lievitino preparato) nell’acqua, sbattendo bene con una forchetta o con una frustina a mano. Deve fare proprio la schiuma. Aggiungere la farina setacciata, sbattere bene. Verrà un composto abbastanza morbido. Io l’ho girato tutto con una frustina a mano. Coprire e lasciare a t.a. per circa 2 ore e poi mettere in frigo per 24 ore circa. Si presenta come in foto e sarà almeno raddoppiato.

Ora tirarlo fuori dal frigo e mettere le farine e l’acqua nella ciotola dell’impastatore (io del bimby) o anche in una ciotola, se impastate a mano. Dare una girata sommaria. Coprire e lasciare circa un oretta. Ora, se usate il bimby come me, girate 1 minuto a velocità spiga. Altrimenti impastate per mischiare meglio tutto. Il composto sarà granuloso. Aggiungere la polish e impastare circa 3 minuti, funzione spiga, oppure impastare a mano.

Aggiungere ancora i 100 g di acqua e i 100 g di farina finali. Aggiungere anche il sale e impastare ancora 5 minuti, funzione spiga. L’impasto sarà incordato e molto morbido.  Mettere un giro di olio extra vergine di oliva in un ciotola con coperchio, mettere l’impasto e dare dei giri al centro, tirando prima l’impasto verso l’esterno e poi al centro.

Far riposare, coperto per circa dieci minuti. Ripetere l’operazione fino a che riuscirete a prendere l’impasto in mano e chiuderlo sotto. A me ci sono voluti tre serie di giri al centro, con relativo riposo. Far partire la lievitazione, a me ci sono volute un paio di ore ma da me fa già freddo. Regolatevi secondo le vostre temperature. Mettere in frigo la ciotola per 24 ore circa.

Quando decidete di cuocerlo, accendere il forno alla massima potenza e mettere dentro la placca dove poi cuocerete il pane. Quando il forno è bello caldo, togliere la ciotola dal frigo e rovesciare l’impasto sul piano, ben spolverato di semola di grano duro. A me piace che faccia una bella crosta. Dividerlo in due e dare una forma, pareggiando i lati, senza toccarlo e sgonfiarlo troppo.

Mettere sul fondo del forno una teglietta con dentro dell’acqua. Rovesciare delicatamente i due filoni sulla placca bella rovente, che avevate messo in forno, all’accensione. Fare tre o quattro tagli con una lametta o un coltello, sulla superfice del pane. Servirà a farlo aprire, con il calore.

Posizionate la placca nella parte più bassa del forno, appena sopra la teglietta con dentro l’acqua. Spruzzate bene le pareti del forno con dell’acqua fresca. Chiudere a iniziare la cottura con il forno al massimo, per circa 10 minuti. Ora spruzzare di nuovo le pareti di acqua fresca e abbassare il forno a 220°. Cuocere per circa 30 minuti, spruzzando ancora una volta, a metà circa di acqua.

Ora togliere i due filoni dalla placca e posizionarli direttamente sulla griglia del forno. Si cuocerà più uniformemente. Abbassare ancora a 200° e proseguire la cottura per altri 10 minuti. Togliere anche la teglietta di acqua dal fondo e accendere la funzione ventilato. Proseguire la cottura per gli ultimi 10 minuti o fino a quando il vostro pane, avrà raggiunto un bel colore dorato. Battendo sul fondo, deve suonare a vuoto. Farlo ben raffreddare e poi …

Come volano le giornate … da noi è arrivato il fresco e con lui le prime freddure. Prima Christian e ora Gabriele, raffreddore e tosse tanto per iniziare questo autunno in bellezza 🙁 Speriamo non si ammali anche nonna Terry altrimenti è un disastro.

Vi auguro un buon fine settimana con il mio consueto augurio

Goditi la vita perchè è una sola e non va sprecata. Ricordalo

Print Friendly, PDF & Email

18 pensieri su “Pane – Filoni di farina 1 e kamut con lievito naturale”

    1. ipasticciditerry

      Eh mica tanto, me la sono presa proprio bene e ora tocca a mio marito … del resto i bambini ci stanno sempre addosso, difficile scansarla. Buonissimo anche solo con un filo di olio, hai ragione Dany

  1. È veramente stupendo Terry! Spesso con farine miste, proprio per svuotare la dispensa, vengono fuori pani gustosissimi ed è vero: farina, sale, acqua e lievito. Non serve altro
    Un bacio a te e ai bambini 💓

    1. ipasticciditerry

      Per fare un buon pane non serve proprio altro … ho ancora un pò di sacchetti da finire e mi toccherà ripeterlo. Anche perchè, determinate farine (tipo quella di orzo o la tipo 1) non le puoi usare in purezza. Mio marito non lo assaggerebbe neanche e il principale mangiatore di pane, in casa, è lui. Grazie gioia, bacino dato ai cuccioli ♥

  2. Mi manca preparare il pane… ma dalla prossima settimana, mi rimetto in riga. Di solito lo impastavo sempre il sabato sera per infornarlo la domenica mattina… ma in estate, andando sempre in campagna, non lo facevo più. Ma ora, non ci sono più scusanti…
    La faina di kamut mi piace tantissimo e questi filoncini hanno un bellissimo aspetto.
    Bacini Terry, ti auguro un buon weekend. Ci rivediamo presto <3

    1. ipasticciditerry

      E’ bellissimo fare il pane e l’odore che emana una volta in forno? Inebriante direi. Grazie Mary, spero tu sia riuscita alla fine a impastare. Un bacione

    1. ipasticciditerry

      Davvero? Io mi trattengo. Il principale consumatore di pane in casa è mio marito. Lui non si siede nemmeno in tavola se non c’è il pane. Io lo assaggio e vado a momenti … ci sono periodo che non lo assaggio nemmeno, a parte quello che sforno io, si intende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *