Pane rustico con solina

Pane rustico con solina

Oggi voglio farvi vedere questo pane molto rustico, dal profumo intenso dei pani di una volta. La mia amica Linda, conosciuta tramite un famoso forum di cucina, mi ha regalato mezzo kilo di farina di solina in occasione del nostro incontro di Firenze. Ho seguito una sua ricetta che ho adattato alla quantità di farina che avevo.

Ingredienti:
500gr di farina solina
115gr di patata bollita
160gr di lilì (lievito liquido)
7gr di sale
215gr di acqua

Procedimento:

Ho rinfrescato il mio lilì per due volte a distanza di 4 ore. Verso le 18 ho messo nell’impastatore la farina, la patata passata allo schiacciapatate e parte dell’acqua. Anche la farina ne ho tenuto da parte una manciata. Ho impastato qualche minuto e quando era tutto legato ho fatto fare una sosta di mezz’ora, in una sorta di autolisi. Trascorso questo tempo, ho sciolto il lilì con un pò di acqua, lasciandone indietro qualche cucchiaio.
Ho unito questa pappetta all’impasto che avevo lasciato a riposare nel ken, ho impastato fino a completo assorbimento e per ultimo ho unito l’ultima acqua in cui ho sciolto il sale. L’impasto alla fine risultava ben incordato anche se morbido.
Ho messo l’impasto in una ciotola e dopo una mezz’ora ho dato un paio di giri direttamente nella ciotola. Poi ho coperto e messo in frigo fino al giorno dopo alle 13. Ho lasciato un oretta a temperatura ambiente e poi ho steso delicatamente l’impasto sulla spianatoia. L’ho arrotolato ben stretto prima da un lato, poi l’ho girato di 90° e arrotolato dall’altro lato. Ho stretto a palla e messo in un cestino infarinato in un luogo riparato da correnti d’aria. Dopo circa tre ore era pronto da infornare. Allora ho messo in forno statico a 220° una pentola di coccio con il coperchio. Dopo venti minuti circa ho tirato fuori la pentola, facendo attenzione a non scottarmi, ho ribaltato dentro il pane e messo il coperchio, quindi infornato per circa 20 minuti. Poi ho tolto il coperchio e abbassato il forno a 200° per dieci minuti. Poi ho messo la funzione ventilato e portato la temperatura a 180°, tolto il pane dalla pentola e poggiato direttamente sulla griglia del forno e lasciato dieci minuti ancora. Poi ho spento e aperto lo sportello a fessura per altri dieci minuti.
Risultato? Crosta scrocchiarella e fragrante, profumo intenso e mollica minuta, da provare!
Print Friendly, PDF & Email

4 pensieri su “Pane rustico con solina”

  1. Avatar

    anche se piccolino… che pagnottone Terry.. ti è riuscito proprio bene…

    peccato che sia una farina così difficile da reperire,varrebbe la pena usarla più spesso…

    biobaci
    Linda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.