Pittule o Pettole

Era da tanto che non facevo le Pittule o Pettole, come volete chiamarle. Sapete cosa sono, vero? Nella mia famiglia si fanno spesso ma io erano molti anni che non le facevo più. Tempo fa le avevo viste da Loro, si sempre loro, le mie svalvolate. Siccome è arrivata una mia cliente italiana, che lavora qui ma è originaria del Salento, chiedendomi se gliele facevo per l’otto di dicembre, sono andata a leggermi la loro ricetta e mi sono cimentata. Io non sono stata brava come loro e non sono riuscita a prenderle con le mani per friggerle, però ho usato due cucchiai, cercando di far venire fuori delle sfere abbastanza regolari. Mi sono consultata via whazapp (benedetta tecnologia) con Emmeti e Esseti e alla fine ho deciso per i cucchiai, come ha sempre fatto anche la mia mamma. Sono delle frittelle abbastanza neutre, che potrete condire con sale o con zucchero, come piacciono a me. Potete anche pucciarle nel miele o perchè no? nella crema di cioccolata, sempre ottime!  A voi la scelta.

Ingredienti:

500 g di farina 0

400 g di acqua

1 cucchiaio raso di olio evo

1 cucchiaio raso di sale fino

3/5 g di lievito di birra

olio per friggere di buona qualità

Procedimento:

Ho messo dai 3 ai 5 g di lievito di birra fresco (la mia bilancia pesa a 5 gr alla volta!) perchè dipende molto dalla vostra temperatura e dal tempo che avete a disposizione. Sapete che io non amo molto il lievito di birra, sopratutto in grandi quantità, preferisco usarne pochi grammi e allungare i tempi di lievitazione. Qui dove vivo ora poi, le temperature sono ancora buone, nonostante sia dicembre, perciò la lievitazione è molto più veloce che da voi in Italia.

Quindi ho messo la mia farina in una larga ciotola, ho sciolto il lievito in poca acqua e cominciato a impastare con una forchetta. Ho sciolto anche il sale in un altro pò dell’acqua prevista e aggiunto anche quella. Ho aggiunto anche l’olio e quindi la restante acqua prevista. A questo punto ho lasciato la forchetta e sono andata con la mano, sbattendo vigorosamente la massa all’interno della ciotolona. Ho coperto con della pellicola e messo a lievitare. A questo punto mi telefona la cliente in questione che non viene più … e che fai? Metti in frigo e tieni per il giorno dopo! Il giorno dopo, non è venuta lo stesso e allora ce le siamo mangiatre noi; ho tolto dal frigo, ho lasciato acclimatare e quindi ho cominciato a friggere un cucchiaio alla volta, cercando di friggere poche palline alla volta. Quindi l’impasto regge bene anche mettendolo in frigo, potete anche mettere pochissimo lievito, meno ancora di quello che ho usato io e prepararlo il giorno primo, resta più digeribile.

006

Io friggo pochissimo, per una questione di colesterolo (di mio marito) e compagnia bella … il fritto fa male ecc ecc … ma ogni tanto ci vuole!!! Ottime, provatele e poi mi direte. Tam ho seguito la tua ricetta perchè io ho sempre fatto tutto a occhio. Comunque grazie! E grazie anche ai miei due angeli custodi: Emmeti e Esseti.

007

010

Alla prossima.

011

Queste Pettole le porto alla raccolta mensile di Panissimo di Barbara e Sandra, questo mese ospitata dalla Sandra

finale di stagione

Print Friendly, PDF & Email

16 pensieri su “Pittule o Pettole”

  1. Avatar

    Tesoro!! Ma che bello, le hai pubblicate!!! ma soprattutto, le hai fatte!
    Ma poi non ho capito, la salentina non è venuta proprio più o è venuta il giorno dopo???
    Non si sarà mica persa questa leccornia???
    Belle belle ti son venute tesoro, pure coi cucchiai!
    Che poi, con due cucchiai la vedo pure più difficile eh??
    Bravissima tesoro e grazie! Corro a pubblicare le tue pittule nella nostra paginetta!
    UN BACIO GRANDISSIMO TESORO!

    1. ipasticciditerry

      Ho chiarito meglio, comunque non è più venuta :/ Grazie, noi le abbiamo sempre fatte con il cucchiaio e a me sembra una stupidata, pensa un pò. Grazie rossa del mio cuore, appena posso vengo a leggerle di là. Ti abbraccio, buona giornata.

  2. Avatar

    Anch’io friggo pochissimo, ma ogni tanto ci vuole, se poi è così goloso, difficile resistere, bravissima!!!
    Cara Terry, ti auguro un sereno e felice Natale e un fantastico 2015 🙂
    Un grande abbraccio, a presto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.