Gnocchi rossi con pesto e pinoli

Gnocchi rossi con pesto e pinoli. L’altro giorno ho preparato delle salsicce al sugo con la polenta. Mi era avanzato poco sugo e siccome non amo sprecare il cibo, ho pensato di metterlo nell’impasto degli gnocchi. Così, oltre al sapore, gli avrebbe conferito un bel colore rosso, secondo le mie aspettative. Diciamo che il colore non è proprio rosso ma il sapore è ottimo e si sente il sughetto. Ho deciso di condire questi Gnocchi rossi con del pesto, poco non molto. E arricchire tutto con dei pinoli, appena tostati. Devo  dire che sono buonissimi? Non credo sia necessario ma ve lo dico lo stesso: buonissimi! Gnocchi rossi con pesto e pinoli.

Ingredienti per 4 persone

600 g di patate

2 cucchiai di sugo di pomodoro (se non l’avete aggiungete del concentrato)

1 uovo

Farina q.b. per ottenere un composto omogeneo. (circa 300 g)

 

4 cucchiai di pesto

Una manciata di pinoli.

Parmigiano a completare

 

Procedimento:

Preparare i gnocchi alla maniera classica, facendo bollire le patate con la buccia e poi schiacciandole subito, da calde. Fare raffreddare e procedere con la formazione dei Gnocchi. Io stavolta, non avendo le patate adatte, ho provate a farle al micro onde e devo dire che restano più asciutte. Sbucciare le patate, lavarle e farle a tocchetti regolari. Metterle in una ciotola, aggiungere mezzo bicchiere di acqua, coprire con pellicola, bucarla in due o tre punti e portare la ciotola in micro onde, per circa 10 minuti a W850. Controllare la cottura ed eventualmente prolungare la cottura di due minuti alla volta.

Una volta pronte che si possano schiacciare con una forchetta, passarle al passa patate, sopra una spolverata di farina, direttamente sul piano di lavoro. Lasciar raffreddare prima di impastare. Aggiungere quindi l’uovo e farina quanto basta, a raggiungere un composto morbido ma non appiccicoso.

In una padella antiaderente, mettere i pinoli a fiamma moderata e farli saltare per qualche minuto. Devono tostare ma non bruciare.

Fare dei pezzetti con l’impasto e formare dei rotolini che poi andrete a tagliare in tocchetti uguali. Se vi piace passare ogni singolo tocchetto sopra la forchetta, oppure sull’ apposito legnetto. Sistemare Gli gnocchi pronti sul vassoio infarinato. Cuocere Gli gnocchi immergendone circa 20/30 alla volta, in acqua salata in ebollizione. Scolarli in una capiente ciotola e condirli con il pesto. Cuocere tutti gli altri e aggiungerli alla ciotola e al condimento. Unire anche i pinoli, precedentemente tostati e servire con una spolverata di parmigiano grattugiato, se piace.

Buon inizio di settimana a tutti. Passato un buon weekend? Il mio periodo di sfiga nera prosegue e sinceramente, comincio ad averne le scatole piene. Fin che la sfiga non toccava la salute, potevo sopportare e portare pazienza ma purtroppo, in questo ultimo mese me ne stanno capitando di tutti i colori, a me e la mia famiglia. Mio marito ancora non è guarito da questo Zoster infernale che l’ha colpito e io sto facendo tutti i controlli, per capire come stanno le mie stanche ossa, che sentono il passare del tempo.

Fortunatamente oggi c’è il sole, dopo giornate di pioggia torrenziale e cielo grigio assoluto. Le temperature sono scese di molto ma è il suo tempo e non si può dire niente. Da domani sembra ricomincerà a piovere, per molti giorni e forse venerdì arriverà già la neve, dalle mie parti. Con il sole sembra tutto più sopportabile ma se il tempo è brutto, si vede tutto più nero, non trovate? Non intendo però lamentarmi otre. Speriamo passi tutto presto, almeno per la salute. A presto

Print Friendly, PDF & Email

30 pensieri su “Gnocchi rossi con pesto e pinoli”

  1. Avatar

    Spero che la salute torni a bussare alla tua porta, non perdere il tuo innato ottimismo Terry o è la fine! Mi raccomando!!!
    Ma concentriamoci su questi stupendi gnocchi! Ottimo suggerimento di economia domestica quello di impastarli con il sughetto avanzato..prendo nota ^_^
    Un forte abbraccio <3<3

  2. Avatar

    dal titolo mi ero immaginata l’aggiunta della barbabietola e invece una sorpresa assai più gradita. lo dico sempre che i piatti “improvvisati” o “di riciclo” danno sempre ottimi risultati 😀 forza e coraggio tesoro, spero il sereno torni presto (e non solo meteorologicamente parlando). ti abbraccio forte, buona settimana

    1. ipasticciditerry

      Si, in passato ho usato anche la barbabietola e sono sempre buoni ma con l’avanzo di sugo acquistano quel saporino (il mio sugo era di carne) che ci sta proprio bene. Evviva il riciclo! Mamma mia che fatica Fede, tengo duro certo, fin che posso. Un abbraccio grande anche a te

  3. Avatar

    Ma è una genialata lo sai? E poi che bontà, proprio un comfort food di tutto rispetto, per me gli gnocchi sono sempre un piatto da festa tant’è che spesso, se sono di fretta, pur di averli in tavola faccio velocemente quelli con soli acqua e farina e con il pesto di salvia, comunque una bontà assoluta!
    Sono periodi Terry, passerà anche questo, delle volte sembra proprio che tutte le congiunzioni astrali ci si mettano, capita a tutti ma poi pensi che non può piovere per sempre, no?
    Un abbraccio forte forte!

    1. ipasticciditerry

      Concordo con te, anche noi piacciono molto, in ogni modo. Si Tati, lo so che capita a molti ma quando ci sei in mezzo e il sereno non torna anzi, sembra vada sempre peggio … mamma mia che fatica! So che anche tu lo sai bene di cosa parlo e ti ringrazio per questa spinta di ottimismo. Un abbraccio grande a te tesoro

  4. Avatar

    Mi spiace tantissimo per i vostri problemi di salute mannaggia!! Posso mandarvi un abbraccione di incoraggiamento!! Per gli gnocchi invece: che buoni!! Ma la pellicola va bene tutta per il microonde o ne serve una speciale?
    Bacini

  5. Avatar

    Come te, anche io non amo sprecare e buttare via il cibo, e la parola “avanzi” non rientra gtra i miei vacabili, quidni si alla nuova vita dei cibi!
    E tu hai reso giustizia a quel sugo! Ottima proposta, e prendo nota sai!!
    Un abbraccio grande

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.