Pasta fresca – Orecchiette alla pizzaiola

Buon lunedì a tutti!

Come avete trascorso questo week end? Da noi ormai l’autunno è arrivato con i suoi meravigliosi colori ma anche con il suo fresco che, nelle giornate grigie e senza sole, ti intristisce un pò…
 
Ieri mattina mi sono svegliata e c’era la prima nebbia della stagione. La nebbia mi ha sempre stupita. Da ragazzina amavo stare fuori con la nebbia, mi sembrava di essere in un paese da fiaba. Quando ero piccola io la nebbia era molto più fitta e le giornate nebbiose erano molto più frequenti.Nelle mie colline è raro che ci sia la nebbia e me la sono goduta dietro alla mia finestra sorseggiando il latte della colazione.
 
Oggi vi voglio presentare il piatto preferito di mio marito, dopo le lasagne … le orecchiette alla pizzaiola.
la mia nonna faceva delle orecchiette piccole piccole, la mia mamma invece le fa come le mie; per forza ho imparato da lei!! Il segreto per fare delle belle e buone orecchiette sta nell’impasto, deve essere fatto con della buona semola, meglio se biologica. Si fa la fontana sulla spianatoia, si comincia a impastare con dell’acqua tiepida stando attenti che l’impasto risulti piuttosto asciutto ma non duro.
 
Si lascia riposare coperto con uno strofinaccio per un quarto d’ora e poi si comincia a fare i nostri rotolini, tagliando dei tocchettini piccoli, circa mezzo centimetro, con un coltello zigrinato. Questo donerà alle nostre orecchiette quel senso di rustico così caratteristico. L’interno delle orecchiette (quello che si gira sul dito) è liscio perchè sarebbe la parte esterna del nostro rotolino.
 
Ho provato a fare un video,  Ecco il video di come formare le orecchiette… abbiate pietà di me; è il primo video che faccio e non è proprio bellissimo! 🙂
Orecchiette alla pizzaiola (3)

Ingredienti (per 4 persone)

400gr di semola fine
acqua tiepida q.b.

24 pomodorini pachino o ciliegino
8 filetti di acciuga sotto olio
olio evo
origano a piacere
poco sale
formaggio grana (se vi piace)

Dopo aver fatto le nostre orecchiette, come vi ho scritto sopra, prepariamo il nostro sughetto.
Mettete un giro di olio in una larga padella (dove poi spadellerete le vostre orecchiette), aggiungete le acciughe ben sgocciolate. Fate scaldare e quando comincia a sfrigolare aggiungete i pomodorini, tagliati a metà. Coprite e fate uscire l’acqua dei pomodorini, il tempo che l’acqua della pasta bolle.
Orecchiette alla pizzaiola (4)
Buttate le vostre orecchiette nell’acqua salata e quando vengono a galla (solo se le avete appena fatte altrimenti cuocetele al dente) prelevatele con la schiumarola e gettatele nella padella con i pomodorini.
 
Spadellate tutto e aggiungete una generosa manciata di origano, meglio se biologico e ben profumato.
Non vi ho detto di aggiungere il sale nei pomodorini di proposito. Dovrete assaggiare prima di unire le orecchiette perchè di solito con le acciughe non è necessario aggiungere altro sale.
 
Se vi piace servite nei piatti accompagnando con del grana. Io non lo metto perchè secondo me, sono perfette così. Mio marito (che ci affogherebbe nel grana) invece lo mette, a voi la scelta.
Orecchiette alla pizzaiola (1)
 
 Vedete come sono belle “rustiche”?  Così prendono meglio il sugo … 😉
Orecchiette alla pizzaiola (2)
 
Print Friendly, PDF & Email

18 pensieri su “Pasta fresca – Orecchiette alla pizzaiola”

  1. Avatar

    Grande la mia impastatrice seriale 😉
    Ti faccio un pò di invidia: da me non è ancora arrivata la nebbia… 😉 🙂 🙂 ma arriverà a brevissimo!
    Ciao cara Terry e presto e buon pomeriggio
    Tiz

  2. Avatar

    Mi hai scritto che hai iniziato a cucinare quando eri bambina e si vede, sai?
    La tua passione trapela in ogni tuo piatto! Non le ho mai preparare le orecchiette e di certo non tarderò a farlo. Mi piacciono le preparazioni che richiedono manualità.
    E poi, in questi giorni dove la pioggia mi tiene compagnia fermarsi a casa e cimentarsi un po’ non mi dispiace affatto! Peccato non esser vicine ❤️😍

    1. ipasticciditerry

      Ti ringrazio Meli, hai visto? C’è anche il video, magari ti aiuta di più nel formare l’orecchietta. Pensa da voi piove e da noi no … strano davvero. Peccato si non essere vicine, ti avrei mostrato di persona molto volentieri.

  3. Avatar

    Io non amo molto la nebbia , sarà perché la prima volta che l’ho vissuta ero in auto…però l’immagine che hai descritto è bella e non fa paura anzi fa sognare così come questo primo piatto che proporrò ai figlioli 😘

    1. ipasticciditerry

      Te lo consiglio, a casa mia è molto richiesto. Questa ricetta l’avevo scritta in un periodo di nebbia. Fortunatamente, per ora, non è ancora arrivata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.