Pane Panzucca tartine e girelle con lievito naturale

12 Comments
Buongiorno a tutti!
Ieri la giornata era grigia e uggiosa, l’autunno avanza a grandi falcate, oggi è quasi peggio di ieri e allora io che faccio? Impasto e accendo il forno!!
Ho comprato della zucca napoletana e ispirata dalla mia amica  Martina ho fatto questi panini e queste girelle che ora vi spiego. L’impasto è lo stesso, cambia solo la forma una volta che avrete fatto lievitare la pasta. Io ho usato lillo il mio lievito liquido … un giorno di questi vi faccio un passo passo di come trasformare la vostra pm in un bel lilì arzillo come il mio. Non mi sono inventata niente, vi spiegherò solo, con parole mie, quello che ho imparato dal mio amico Nico di cook. Ma ne parliamo un altro giorno. Ora ecco la ricetta del mio Pane, Panzucca, tartine e girelle con lievito naturale

Ingredienti:
Per il polish
90gr di lili
90gr di latte tiepido
90gr di farina 330w

400gr di zucca (a crudo)
200gr di farina 00
150gr di farina 330w
40gr di burro fuso
60gr di latte tiepido
50gr di zucchero
sale
vaniglia

120gr di uvette

Nel pomeriggio ho preparato il polish, al raddoppio (per me dopo 4 ore). Ho messo la zucca in forno (io l’ho cotta al cartoccio ma potete farla anche al vapore) e l’ho fatta cuocere fino a quando era morbida bucandola con una forchetta. Vi sconsiglio di bollirla perchè si riempie troppo di acqua ma vedete un pò voi. L’ho poi passata al setaccio e fatta raffreddare.

Ho intiepidito il latte e sciolto il burro insieme. Ho messo la vaniglia dentro per profumare.
Quando il polish era pronto l’ho messo nel ken e ho cominciato a impastare unendo a poco a poco prima la zucca passata e poi ho alternato farina e il miscuglio di latte. Ho continuato a impastare con la foglia, sul 2 fino a quando ho finito gli ingredienti, per ultimo ho messo una puntina di sale. Il tutto per 15 minuti circa, non ho fatto incordare, come al solito. Ho fatto riposare l’impasto in una sorta di autolisi per circa mezz’ora. Poi ho messo il gancio, dato due giri con la spatola, girando l’impasto sottosopra un paio di volte e fatto girare per altri 5 minuti, sempre sul 2.
Ho poi messo in una ciotola l’impasto che risulta molto morbido, però con la spatola vi viene dietro, facendo una bella corda. Ho dato dei giri nella ciotola stessa ogni ora per tre volte. L’imapsto si rassoda e riuscite anche a fare la palla con le mani.
Ho poi coperto la ciotola (la mia ha il coperchio ma potete mettere anche della pellicola) e messo in forno con la luce spenta. La temperatura in casa è intorno ai 20 gradi, regolatevi un pò voi a seconda della vostra temperatura.
Ho lasciato tutta la notte e stamattina era più che triplicato.
Ho rovesciato l’impasto sul tavolo, facendo attenzione a non sgonfiarla troppo. Ho steso un bel rettangolo, con le mani, come mi ha insegnato Adriano al corso.
Ho ritagliato un bel rettangolo con la spatola e con i lati ho fatto delle tartine chiudendole da sotto, il peso era di circa 50gr l’uno.
Sul rettangolo rimasto ho steso le uvette che avevo ammollato dalla sera prima, ben strizzate. Ho chiuso dal lato più lungo come un salamotto e tagliato a circa 2cm di altezza. Ho sistemato le girelle sulla placca del forno, spennellate con latte e cosparse di zucchero in granella.
Le girelle sono lievitate prima e dopo tre ore le ho infornate a 180° da forno spento. Nel senso che ho acceso il forno e infilato dentro la teglia senza riscaldarlo. Dopo circa 20 minuti ho abbassato la temperatura a 170° e lasciati dentro altri 10 minuti.
 Le tartine invece hanno lievitato per 4 ore circa, le ho spennellate di latte anche loro e infornate a 170° per 20 minuti e gli ultimi 5 minuti ho acceso il ventilato. Poi ho lasciato altri 5 minuti a forno spento con lo sportello aperto.
Tenete presente che le tartine non sono per niente dolci, pertanto si prestano anche al salato, mentre le girelle sono davvero goduriose.
Entrambe sono morbide e profumate.
Print Friendly

Related posts:

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

12 Responses to “Pane Panzucca tartine e girelle con lievito naturale”

  1. patty

    che buoni………….comprerò la zucca e li proverò………
    un abbraccio.

    Rispondi
  2. Trattoria da Martina

    Che belle le girelle!!! Hai avuto uan grande idea!!!

    Rispondi
    • Terry

      Ciao Marty, hai visto che ti ho ascoltato? Ho preso spunto dai tuoi panini ma poi sai com’è … la fantasia ha preso il sopravvento. 😉

      Rispondi
  3. roberta

    Bellissime idee Terry……le girelle sono fantastiche…e le tartine devono essere superbe con i formaggi

    Rispondi
  4. Anto- nella-Cucina

    Mi piacciono le tue ricette con la pasta madre…
    Ah, al mio contest, no puoi, devi partecipare…^__^
    Guarda che ti aspetto eh!! Baci..

    Rispondi
  5. laura

    ciao!! grazie per le tue ricette… è già contest giusto!! 😉 questa purtroppo non la posso accettare perchè è antecedente al primo di ottobre, la inserirò però nel PDF che farò a fine sfida!! ho visto l’altra ricetta che mi hai inviato.. vado ad aggiungerla!! grazie mille!!! 😀

    Rispondi
  6. corale_06

    Adoro la zucca!
    di solito la uso per preparare primi piatti o contorni…mai provata in un dolce!

    Rispondi
    • Terry

      Le tartine non sono dolci, io le ho mangiate con il prosciutto crudo e lo zola. Le girelle si, sono dolci e delicate. Non pensavo mennemo io.

      Rispondi

Leave a Reply