Brioche sfogliata di P. Conticini per Re.cake 2.0

Brioche sfogliata di P.Conticini per Re.cake 2.0. Questo mese per l’appuntamento del Re.cake 2.0 è stata scelta questa ricetta che, come l’ho vista, mi ha fatto tornare la voglia di impastare! Una Brioche soffice come una nuvola, con un sapore di burro inconfondibile. E sapete quanto io adori il burro! Avevo già fatto una ricetta di Conticini e devo dire che nemmeno quella mi aveva deluso.

Rispetto alla ricetta dello scorso mese, questa è un pochino più elaborata ma non difficile. Con queste dosi vi vengono una ventina di porzioni, perciò se non volete congelare e non avete una famiglia numerosa, vedete voi se è il caso di dimezzare le dosi. Io quelle che non ho smistato, le ho congelate, tirate fuori la sera e al mattino erano ottime a colazione.

Le dosi del lievito sembrano abbondanti ma, essendoci così tanto burro, vi sconsiglio di diminuirle. Se volete proprio farlo, tenete presente che ci vorrà più tempo per la lievitazione. Io così, ho iniziato al mattino e sfornato a sera. Pronti? Via: Brioche sfogliata di P.Conticini per il Re.cake 2.0

Ricetta tratta dal blog Le Popotte de Manue

Ingredienti:

510 g di farina (più quella necessaria per spolverare)

1 cucchiaino di sale fino

40 g di zucchero

150 ml di latte

20 g di lievito di birra fresco

3 uova

50 g di burro a temperatura ambiente

1 noce per imburrare gli stampi (altrimenti andate di carta forno, come me)

 

Per le pieghe

300 g di burro

 

Per lo sciroppo di zucchero

30 g di zucchero

30 g di acqua

 

Per la farcia

100 g di zucchero in granella

 

Procedimento:

Per prima cosa preparare lo sciroppo, mettere lo zucchero nell’acqua e portare a ebollizione, fino a completo scioglimento dello zucchero. Lasciar raffreddare.

Nella ciotola della planetaria, o come me nel boccale del bimby, mettere la farina, lo zucchero, le uova e il latte, sbriciolare sopra il lievito. Mescolare per 3 minuti, funzione spiga, (o impastare). Ora aggiungere il burro e il sale, impostare altri 2 minuti, sempre funzione spiga. L’impasto dovrà risultare liscio.  Mettere in una ciotola, coprire con pellicola e lasciar lievitare al raddoppio.

Intanto preparare il burro, stendendolo, con il mattarello, in mezzo a carta forno di dimensioni 20×25 circa. Chiudere a pacchetto e rimettere in frigo.

Una volta lievitato, riprendere l’impasto, spolverare di farina il piano e formare un rettangolo di circa 45×25. Mettere il panetto di burro preparato al centro e ripiegare la pasta al centro, per sigillare il burro.

Girare la pasta dal lato corto e stendere di nuovo a rettangolo di circa 60×70. Piegare a libro, portando il lato sotto al centro e piegare quello sopra. Ruotare di nuovo di 90° in modo da avere la chiusura sul lato destro. Chiudere in pellicola e riporre in frigo per circa 20 minuti. In pratica come si fa per la Pasta sfoglia. Ero convinta di aver fatto tutte le foto dei passaggi e invece non me le trovo. Comunque guardate questo articolo, le pieghe sono uguali.

Ripetere di nuovo; formare un rettangolo di 60×70, piegare a libro, girare a 90° e di nuovo in frigo e così una terza volta. Aiutatevi spolverando leggermente il piano di farina. Non esagerate altrimenti ci sarà troppa farina. Dopo il terzo giro e il terzo riposo, riprendere l’impasto e stenderlo di nuovo, formando di nuovo un rettangolo di circa 35×45. Cospargere con la granella di zucchero, tenendo liberi i 3 cm in basso (nel mio caso su un lato, visto che il lato lungo era orizzontale).

Passare il mattarello sullo zucchero per farlo ben aderire e spennellate con lo sciroppo di zucchero preparato, il lato che avrete lasciato libero dallo zucchero. Arrotolare dal lato opposto a dove avete pennellato con lo sciroppo e formare un rotolo, chiudendo bene e facendo aderire il lato con lo sciroppo. Trasferite il rotolo, con la chiusura sotto, su una placca, rivestita di carta forno e portare il tutto in freezer. Si taglierà meglio. Io ho dovuto fare a metà il rotolo per questione di spazio in freezer.

Riprendere il rotolo e tagliare delle rose uno o due centimetri meno del vostro stampo, che avrete rivestito di carta forno o spennellato di burro. Sistemare le rose in piedi nello stampo e lasciar lievitare per un’altra ora circa. Preriscaldare il forno a 180° e infornare le Brioche per circa 30 minuti.

Se volete potete spennellare le brioche, appena sfornate, con il rimanente sciroppo di zucchero. Io ho fatto sciogliere due cucchiai di composta di mele, filtrata e spennellato con questo composto.

Ben chiusa in un cellophane per alimenti, si conserva per 3 o 4 giorni. Io ho congelato le rose avanzate, altrimenti me le mangiavo tutte subito! Ne ho assaggiata una appena sfornata e non vi dico che buona è! Anche scaldata appena appena nel forno micro onde, ritorna fragrante e profumata, come appena sfornata. Provare per credere.

E’ di una morbidezza incredibile, mi spiace che dalle foto non si riesca a capire

Questa era in freezer e l’ho intiepidita al micro onde, riuscite a vedere quanto è soffice?

Ringrazio le ragazze del team Re.cake 2.0 per la splendida ricetta. Anche per questo mese, è stato un piacere. A voi tutti auguro un buon inizio di settimana. Questa per me, è una settimana speciale … rimanete sintonizzati e ne parleremo al prossimo articolo.

Print Friendly, PDF & Email

8 pensieri su “Brioche sfogliata di P. Conticini per Re.cake 2.0”

    1. ipasticciditerry

      Come avrai letto, è solo un consiglio quello di congelarla, per evitare di mangiarla tutta subito … chiaro che la puoi tenere in congelatore quanto ti pare o non metterla affatto. E’ una tua scelta. Grazie a te del commento

  1. Ciao Terry ti sono venute davvero belle queste brioche sfogliate, le avevo viste e la procedura mi sembrava elaborata, mi sarei cimentate se non avessi troppe scadenze ed eventi da gestire che riducono il mio tempo libero a zero. Mi godo le tue anche se mi dispiace non poterle assaggiare sono così invitanti.

    1. ipasticciditerry

      Puoi sempre provarle appena hai un pò di tempo ma guarda che non sono complicate da fare. Si possono tranquillamente gestire, aiutandosi con i riposi in frigo. Anche per me ormai è diventato difficile iniziare una ricetta in cui occorrono alcune ore, per finire … ma mi aiuto con il frigo, come in questo caso. Grazie tesoro, un bacio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *